Novità Conservatorio Offerta formativa Eventi International Amministrazione trasparente Booking Contatti
A- A A+

Erasmus Policy Statement (Overall Strategy)

Testo italiano

The Conservatoire Benedetto Marcello in Venice is one of Europe's historically most important high schools of music. It is situated in the monumental Palazzo Pisani, an impressive patrician residence in the heart of this world-famous city. The palazzo's structural layout includes internal courtyards divided by loggias and large halls, one of which is the spectacular Concert Hall surrounded by columns and dominated by a balcony that runs along its entire perimeter.

The facility counts several classrooms and study halls, with dedicated halls for orchestra and choir rehearsals, and also provides a precious extensive range of instruments. Illustrious professors and former students have contributed to establish the history of  Institution which, today, offers students from all over the world highly stimulating courses. The School also carries out intensive artistic activities and research. Equipment at the electronic school of music formed by Giuseppe Sinopoli, and continued by Alvise Vidolin, is continuously updated. The School's library is acclaimed throughout Italy with its heritage of about 50,000 books, including large historical collections. It is adjacent to the Museum, which preserves ancient instruments, manuscripts and period objects, such as certain items donated by Richard Wagner.

Its location in a city of the utmost cultural importance, such as Venice, has enabled the Conservatoire to form partnerships with the Academy of Fine Arts, La Fenice Theatre, Venice Biennale, Ca' Foscari University, Cini Foundation, Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, Ateneo Veneto and Levi Foundation.
In the framework of the European Community's Lifelong Learning Programme (LLP) Leonardo da Vinci, since 2009 the Institution has partnered IUAV University of Venice, Bari Polytechnic, Academy of Fine Arts of Venice, Urbino and Aquila, besides forming a consortium with the Schools of Music of Florence, Naples and Cosenza. The dedicated commitment of the Benedetto Marcello Conservatoire Coordinator of International Relations has been crucial in obtaining extensive benefits for winners of Erasmus scholarships for trainees, consistently with their calling, preparation and training, to introduce them to the occupational framework. This approach has successfully extended partnerships to leading institutions, namely IRCAM in Paris, Berliner Sinfoniker, London Philharmonic Orchestra, Nuremberg State Theatre, De Falla Foundation, University of Stuttgart, Lugano University, Hochschule in Basel, ZKM in Karlsruhe and Latvian Academy in Riga.

International partnerships have been established with institutes that guarantee our standards of teaching, training and performance, and whose educational offer resembles the opportunities provided by our School, to enhance the prestige of qualifications attained by holders of a diploma and researchers, and improve the quality and relevance of higher education through transnational mobility and cooperation. We focus on linking higher education, research and companies to enhance the School's excellence and progress in the region, improving its governance and, hence, access to funds. The above objectives and projects will be developed with the essential participation of students and of all teaching and technical-administrative staff. A decisive contribution will be provided by the quality of the programmes proposed and good practices, such as transparency, accessibility and excellence. Adequate support will be provided to both needy and deserving students through scholarships and grants.

The Institution is committed to implementing the adaptation of its Information technology to meet with the demands arising from the accurate recording of international routes and periods of study abroad in accordance with any directions of national/international databases.

The objective is also to enhance visibility of the Institution's mobility-related initiatives, and to give all first and second cycle graduates/diploma holders a Diploma Supplement that clearly and officially states the study period and education performed abroad. The Institution will develop double, triple and joint degrees with the Ca' Foscari University in Venice. The Institution also plans on extending such agreements to international partners in the future.

Partnerships will also be established with local companies and institutions to value and support student mobility for study and traineeship.

The Institute , which currently feels a strong calling to internationalisation and prioritises existing and most consolidated relations, will implement said calling in the future through several skeleton agreements with universities based in the United States, China, South Korea and Japan, with which cultural exchanges of professors and students have already been organised in the past. Relations are now being established with Asia, Australia and Eastern Europe.

The Institution presents a keen pedagogical vocation for teaching to hand down the historical memory of music with special emphasis on the great tradition of musical performance and composition. The Academy of music is also keen on developing the new professional frameworks created by music. Said objectives are achieved by offering courses both on Management, by extending the offer to workshops, master classes and traineeships in musical institutions based both in Venice and in the territory, and through agreements with institutions that pursue the same goals. The Institution interacts intensively with other member AFAM institutions, by cooperating in high quality teaching and artistic initiatives, such as electro-acoustic music, through the joint organisation of  important courses and events.

Partnerships will be sought with institutions that offer the best prospects of introducing youth to the occupational world in the musical and artistic framework.

To this end, with international partnerships will be encouraged to implement innovative teaching, artistic production, publishing activities of new teaching materials and original creativity, in cooperation with European and non-European partner institutions.

Said process will be managed with the utmost care by drawing up multilateral projects, organising project activities, managing partnerships, drawing up agreements and letters of intent, monitoring procedures, performing internal assessments, administrative and accounting activities.

Additional funds will also be allocated for mobility projects even through partnerships with local institutions and companies in the territory.

The Institution will create special funds to supplement mobility grants for outgoing students, besides organising services to benefit all students participating in mobility initiatives.

Profitable relations will be established with regional authorities in order to also access Structural Funds and European Social Fund.

The Institution will steadily implement procedures to ensure transparency in terms merit assessment and verification, and accelerate its modernisation process by constantly upgrading its IT systems and procedures in the course of time.

Activities centred on artistic production are essential to build the prestige of teaching staff mobility, including refresher courses and innovative approaches to teaching to also ensure new contents, the principal objective of mobility programmes between institutions based in different countries.

The Coordinator of International Relations, along with the Administration, is currently promoting and organising the artistic production of Erasmus students and professors, particularly enhancing the value of activities that involve professors and Erasmus students, both former and present, Italian and foreign.

The active participation of students and former students of Institution , who have been involved in an Erasmus experience, in initiatives focused on artistic production is crucial for exchanging experiences and testing their musical, technical, organisational and relational skills.

After participating in dedicated concerts and performances to ascertain the results achieved - strict assessment criteria will be applied to said process, both incoming Erasmus students and those returning from a mobility experience will have the opportunity to participate in constructive musical events entailing interaction with other musicians. They will also closely witness high standard artistic productions in the cultural framework of  Venice.

By adopting this approach, the Institution will enhance its appeal to an extensive number of foreign students and train highly skilled graduates who possess the capacity to compete on the international market.

Information, preparation and support for mobility will be developed with special care. The experience and qualifications acquired by participants in the mobility programme during the teaching, study and training period will be officially acknowledged. This will contribute towards building experience and good practices to extend the modernisation of the Institution.

Hence the Programme for 2014 -2020 will have a remarkable impact on the School by consolidating its specific functions, namely teaching excellence, artistic production and musical experimentation. TheInstitution will especially focus on providing high quality, internationally-oriented education through close cooperation with partners. Activities will be targeted at removing both direct and indirect obstacles to European and international mobility.

Information, preparation and support for mobility will be developed with special care. The experience and qualifications acquired by participants in the mobility programme during the teaching, study and training period will be officially acknowledged. This will contribute towards building experience and good practices to extend the modernisation of the Institution.


Erasmus Policy Statement (strategia globale)

Il Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia è tra i Conservatori più carichi di storia in Europa. Ha sede nel monumentale Palazzo Pisani, il più grande Palazzo patrizio di Venezia. Si articola in cortili interni separati da aeree logge e ampi saloni, uno dei quali è la spettacolare sala dei concerti, circondata da colonne e dominata da una balconata che la circoscrive per l'intero perimetro.

Numerosi sono gli spazi destinati ad aule di lezione e di studio, con aule apposite per le esercitazioni orchestrali e corali. La dotazione strumentale è ricca e di pregio. Il Benedetto Marcello vanta una illustre tradizione di docenti ed ex allievi ed oltre ad un'apprezzata attività didattica che attira studenti da ogni parte del mondo, svolge un'intensa attività di produzione artistica e di ricerca. La scuola di musica elettronica, fondata da Giuseppe Sinopoli e proseguita da Alvise Vidolin, ha apparecchiature continuamente aggiornate. La biblioteca è tra le più importanti d'Italia e annovera circa 50.000 volumi, con consistenti fondi storici ed è contigua al Museo che conserva strumenti antichi, manoscritti e cimeli d'epoca, tra i quali spiccano alcuni oggetti donati da Richard Wagner.

L’essere il Conservatorio di una città internazionale come Venezia, a spiccata vocazione culturale, consente collaborazioni con l'Accademia di Belle Arti, il Teatro La Fenice, La Biennale, l'Università di Ca' Foscari, la Fondazione Cini, l'Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, l'Ateneo Veneto, la Fondazione Levi.

Nell'ambito del Programma della Comunità Europea LLP Leonardo da Vinci il Conservatorio è partner dal 2009 di IUAV di Venezia, Politecnico di Bari, Accademie di Belle Arti di Venezia di Urbino e dell'Aquila,e in consorzio con i Conservatori di Firenze, Napoli e Cosenza. Importante è stata l'indagine della Coordinatrice delle Relazioni Internazionali del Conservatorio Benedetto Marcello per ottenere il massimo dei benefici per i tirocinanti vincitori, in sintonia con la loro vocazione, preparazione e formazione al fine di introdurli nel mercato del lavoro. Questo ha permesso di estendere con successo le relazioni di parternariato con IRCAM Parigi, Berliner Sinfoniker, London Philarmonia, Teatro di Norimberga, Fondazione De Falla, Università di Stoccarda, Conservatorio di Lugano, Hochschule di Basilea, ZKM Karlsruhe, Latvian Academy Riga.

In coerenza con queste caratteristiche, la ricerca di partner internazionali avviene quando si accertino garanzie di qualità didattica, formativa ed esecutiva di pari livello ed in grado di offrire opportunità non dissimili da quelle fornite dalla nostra Istituzione, anche avvalendosi delle collaborazioni succitate, allo scopo di aumentare il livello di qualificazione per formare i diplomati e i ricercatori, migliorare la qualità e la pertinenza dell'Istruzione superiore, aumentare la qualità grazie alla mobilità e alla cooperazione transnazionale, fare il collegamento tra l'insegnamento superiore, la ricerca e le imprese per favorire l'eccellenza e lo sviluppo regionale, migliorare la governance ed il finanziamento. Gli obiettivi sopra citati e l'adesione a progetti di cooperazione europea ed internazionale saranno sviluppati con la partecipazione fondamentale degli studenti e di tutto il personale docente e tecnico amministrativo. Un contributo decisivo lo fornirà la qualità dei suoi programmi e delle buone prassi come trasparenza, accessibilità ed eccellenza. Verranno opportunamente sostenute le fasce di studenti più disagiate e degli studenti meritevoli con borse di studio e sovvenzioni.

Il Conservatorio si impegna a implementare l'adeguamento dei propri sistemi informatici per far fronte alle esigenze derivanti dalla registrazione accurata dei percorsi internazionali e dei periodi di studio all'estero anche in conformità di eventuali indicazioni delle banche dati nazionali. Il fine è anche quello di rendere visibili i propri dati sulla mobilità e di rilasciare a tutti i laureati/diplomati di primo e secondo ciclo il Diploma Supplement che riporti in modo trasparente e ufficiale il periodo di studi e la carriera scolastica svolti all'estero. Il Benedetto Marcello parteciperà allo sviluppo di lauree doppie, triple e congiunte stipulando un accordo con l'Università di Ca' Foscari di Venezia. Nel futuro il Conservatorio si propone di estendere stipule simili a partner internazionali.

Saranno implementati  anche i partenariati con imprese ed enti locali al fine di valorizzare e sostenere la mobilità degli studenti per studio e per tirocinio.
Il Conservatorio, che sente attualmente forte la propria vocazione all' internazionalizzazione, dando precedenza ai rapporti in essere e più consolidati. implementerà in futuro la stessa attraverso una serie di accordi-quadro con Università degli Stati Uniti, Cina, Corea del Sud e Giappone  dove si sono avuti scambi culturali, di docenti e di allievi già nel passato e aprendo una serie di nuove relazioni con Asia, Australia ed Europa dell'Est.

Il Benedetto Marcello manifesta vivo interesse e vocazione pedagogica sia per la didattica che contribuisce a perpetuare la memoria storica musicale con la cura della grande tradizione esecutiva strumentale e compositiva, sia per le nuove professionalità che la musica può creare, dando vita a corsi di Didattica, di Management delle Imprese culturali e dello spettacolo, ampliando l'offerta di seminari, workshop, masterclass, tirocini in Istituzioni musicali della città e del territorio, d'intesa con Enti che perseguono gli stessi scopi. Il Conservatorio interagisce assiduamente con le altre Istituzioni AFAM, in iniziative di collaborazione didattica ed artistica d'eccellenza, come la Musica elettroacustica, organizzando insieme corsi ed eventi.

Si punterà ancora di più sulla capacità di fare sistema con quelle Istituzioni che offrano alti target e possibilità di transitare i giovani verso il mondo del lavoro del settore musicale ed artistico.

Per tali fini saranno incentivate cooperazioni internazionali per implementare la didattica innovativa, le produzione artistiche, le attività editoriali di nuovi materiali didattici e di creatività originale, in collaborazione con gli istituti partner europei ed extra-europei.

Particolare attenzione sarà data agli aspetti gestionali: procedure per le stesure dei progetti multilaterali, organizzazione delle attività progettuali, gestione dei partenariati, stesura degli agreement, lettere d'intenti, procedure di monitoraggio, valutazione interna e gestione amministrativa e di rendicontazione.
Si reperiranno fondi aggiuntivi per la mobilità anche attraverso la collaborazione con gli enti locali e le imprese del territorio.

Si definiranno fondi di Istituto per l'integrazione delle borse degli studenti di scambio in partenza e l'organizzazione dei servizi a favore di tutti gli studenti in mobilità.

Si stabilirà un rapporto virtuoso con le autorità regionali per utilizzare a tali fini anche i Fondi Strutturali e i Fondi Sociali Europei.

Il Conservatorio proseguirà l'accelerazione del proprio processo di modernizzazione  con la l'implementazione delle procedure informatiche, destinate ad evolversi nel corso del tempo.

Le attività di produzione artistica sono fondamentali per qualificare in modo rappresentativo le esperienze di scambio fra docenti in mobilità e comprendono l'aggiornamento  e l'innovazione didattica per approdare anche a novità di contenuti, finalità principali dei programmi di scambio tra istituzioni di paesi diversi. Questo consentirà al Conservatorio di attrarre un maggior numero di studenti stranieri e formare laureati di eccellenza in grado di competere sul mercato.

La Coordinatrice delle Relazioni Internazionali, di concerto con la Direzione, attualmente promuove e cura le attività di produzione artistica degli studenti e dei docenti Erasmus, valorizzando in modo particolare le attività che coinvolgono docenti, studenti ed ex studenti Erasmus, italiani e stranieri.
Per gli studenti e gli ex studenti del Conservatorio Benedetto Marcello, che hanno svolto un'esperienza Erasmus, la partecipazione ad attività di produzione artistica rappresenta un momento fondamentale di scambio di esperienze e di verifica delle proprie competenze musicali, tecniche, organizzative e relazionali.

Attraverso la partecipazione a concerti e performance a loro dedicati, sia gli studenti in ingresso, sia quelli di ritorno dalla mobilità, hanno l'opportunità di effettuare utili esperienze musicali e, interagendo con altri musicisti, di sperimentare un alto livello di produzione artistica, venendo altresì a contatto con la realtà culturale del territorio e della città di Venezia.

Rilevante ruolo avrà, quindi, l'impatto del Programma 2014 -2020 nella politica di radicamento dell'Istituzione nel ruolo delle sue funzioni specifiche, quali la didattica di eccellenza, la produzione artistica e la sperimentazione musicale. Si attendono sostegno e cura in cambio di formazione d'eccellenza  condivisa a livello internazionale, continuando a collaborare strettamente ed a coordinare le proprie azioni in vista dell'eliminazione degli ostacoli che direttamente o indirettamente impediscono la mobilità  europea e internazionale.

Saranno particolarmente curate l'informazione, la preparazione, il sostegno alla mobilità e si procederà al riconoscimento dell'esperienza e delle qualifiche che i partecipanti alla mobilità hanno acquisito durante i periodi di docenza, di studio e di formazione, sapendo che le persone coinvolte possono migliorarne sensibilmente il valore. Ciò contribuirà all'accumulazione di esperienze e di buone pratiche al fine di ampliare processo di modernizzazione dell'Istituzione.